28 novembre 2017

Mercatini di Natale: consigli per l'uso!

Per noi del team il Natale è sempre un momento di grande allegria ma anche di frenesia. Organizziamo al meglio le proposte nello shop on-line, inseriamo i prodotti natalizi, ci preoccupiamo di offrire un packaging che “spacchi” più del solito e molti di noi si preparano ad esporre le proprie creazioni anche nei Mercatini di Natale.
Quest’anno poi c’è una grandissima novità!

Etsy Made in Italy 
ETSY MADE LOCAL arriva in Italia!!!
Dal 1 al 3 dicembre 2017 arrivano gli eventi Etsy Made in Italy, organizzati dai team di venditori Etsy e sponsorizzati da Etsy, per celebrare la creatività e supportare la compravendita locale. Alcuni venditori, porteranno i loro negozi virtuali in mercatini reali dove troverai prodotti fatti a mano originali e di qualità, insieme a workshop creativi ai quali potrai partecipare.

Etsy Made in Italy sarà presente in 6 città:

  • BRESCIA sabato 2 e domenica 3 dicembre
Museo Diocesiano, Via Gasparo da Salò 13, dalle 10 alle 19
Cortile dei Minoriti, via Etnea 73, dalle 10 alle 21
  • COMO sabato 2 e domenica 3 dicembre
Sheraton Lake Como Hotel, via Per Cernobbio 41/A, dalle 10 alle 20
Bottega d'Arte la Zaffera, via Guelfa 45/R, dalle 11 alle 17
Palazzo Lucentini Bonanni, p.zza Regina Margherita, dalle 10 alle 20
  • PESCARA sabato 2 e domenica 3 dicembre
Spazio Matta, Via Gran Sasso 53, dalle 10 alle 20

Se sei in una di queste città, non farti scappare l’occasione di vedere dal vivo e toccare con mano la meraviglia di prodotti creati con passione ed emozione.
Se invece non potrai essere ad uno degli eventi Etsy Made in Italy, scegli con attenzione!
A partire da dicembre tutte le piazze si riempiono di questi colorati e luccicanti mercatini. Ma siamo sicuri che tutti si possano definire di Natale ed artigianali?

Sappiamo che di questi ce ne sono alcuni tradizionali, basti pensare a quelli che ci sono nelle regioni alpine e transalpine, così caratteristici e “natalizi” che offrono prodotti tipici e locali, con le decorazioni di Natale, le caldarroste e il vin brulè. Sono definiti “mercatini alla tedesca” e di solito hanno graziose casettine di legno che ricordano il villaggio di Babbo Natale.
Ma oltre a questi, ne spuntano tanti altri, organizzati praticamente da chiunque, centri commerciali, associazioni, enti comunali e via dicendo, che a volte di natalizio hanno solo il nome.

Come fare allora?

Intanto cerchiamo di capire che tipo di mercatino stiamo cercando, se vogliamo quello classico, denominato “tedesco”, vi consiglio di andare on line e cercare i più famosi.
Oppure potete fare qualche gita nelle città che storicamente in questo periodo hanno dei mercati dedicati al Natale il più caratteristico in Italia probabilmente è a Napoli a Via di San Gregorio Armeno con le botteghe degli artigiani dei presepi.
Se invece volete semplicemente un bel mercatino, che oltre agli oggetti natalizi offra delle idee regalo vi consiglio di fare molta attenzione.

Accade spesso, che mercati definiti Natalizi e artigianali, di tutto ciò abbiano solo il nome e dovrete essere voi a riconoscere gli eventuali falsi esposti sui banchi. Giusto, ma come riconoscere i prodotti davvero artigianali? Probabilmente la risposta già la sapete ma è bene ribadire alcuni concetti che sono alla base di un prodotto artigianale e che fanno la differenza.

  1. Sono originali. Se li avete visti e rivisti, sono uguali da un banco all’altro, probabilmente non sono prodotti artigianali, tutt’al più saranno fatti a mano ma scopiazzati. Quindi cercate prodotti originali se volete che i vostri regali lascino chi li riceve senza parole (ma in senso positivo!).
  2. La qualità ha un prezzo. Se i prezzi sono molto bassi diffidate. Infatti un artigiano, usa prodotti di qualità, che quindi costano, fa un lavoro di ricerca e di produzione accurato, che richiede tempo e come sappiamo tutti “Il tempo è denaro!”. Se i prodotti costano poco, potrebbero essere importati da paesi che sfruttano la manodopera o essere realizzati con materiali economici e quindi scadenti, o entrambe le cose.
  3. Pochi ma buoni. I banchi degli artigiani raramente hanno una grandissima quantità di prodotti, spesso ne hanno uno per tipo. I pezzi unici abbondano nei banchi di un artigiano per vari motivi. Spesso il materiale con cui sono fatti è più unico che raro, o magari troppo caro per poterne acquistare grandi quantità. Magari richiede molte ore di lavoro e quindi non si riesce a produrne una grande quantità da soli. Al contrario un venditore ambulante spesso ha stock di prodotti tutti uguali a prezzi stracciati.
  4. Raccontano una storia. Se chiedete all’artigiano come ha prodotto quel determinato oggetto, scoprirete che dietro c’è sicuramente una storia. Ogni oggetto arriva ad essere esposto dopo progettazione, prove, tentativi falliti e poi perfezionati. Alla fine voi trovate sul banco il risultato riuscito. Altre volte ci sono ispirazioni incredibili, un po’ come la storia della mela e di Newton. Conoscere queste storie arricchirà di valore il vostro regalo, potrete raccontarla mentre la persona che lo riceve scarta il regalo, che a sua volta la ricorderà ogni volta che ammira il vostro dono.
  5. Le creazioni so’ piezz’ ‘e core! Eggià! Ogni creazione per un artigiano, soprattutto piccolo, è un pezzo di se stesso. Viene dalla sua creatività, dal suo cuore e infine dalle sue mani. Come figli vorrebbe che andassero per il mondo a mostrare la loro bellezza (Ogne scarrafone è bell' a mamma soja!) ma allo stesso tempo non vuole separarsene. Per questo un artigiano, cura ogni minimo dettaglio, dall’esposizione e allestimento del banco fino al pacchetto e sarà restio a dar via la propria creazione a chi non la sa apprezzare. Provare per credere!

Spiace dire che spesso chi organizza questi mercati non ha chiaro cosa sta organizzando e quindi poveri artigiani ingenui e magari alla loro prima esperienza di vendita ad un evento del genere,  si trovano in mezzo a banchi di prodotti a prezzi bassissimi e di scarsissima qualità, a venditori ambulanti o addirittura a copie di prodotti contraffatti.


Voi però potete capire cosa merita di essere acquistato e regalato per Natale, con somma gioia di tutti, seguendo i passi che vi ho descritto sopra.
Se ad un mercatino di Natale spacciato per artigianale, trovate merce scadente, a pochi euro e palesemente in serie, significa che vi stanno proponendo una cosa differente da quella pubblicizzata e NO, non tornerete a casa con qualcosa di unico e NO, non avete fatto un affare pagando pochissimo perchè non state regalando nulla di prezioso. 

Quindi via libera al regalo handmade, originale, realizzato con cuore, che racconta una storia e che regala un’emozione. Un oggetto amato dal momento della sua creazione fino - ne sono sicura - al momento in cui sarà donato.
Ricorda che una creazione handmade è speciale non solo a Natale e quindi acquista da venditori italiani e regala o regalati un oggetto fatto a mano tutto l’anno!


LINK UTILI


- EVENTI HANDMADE - il nostro gruppo FB per segnalare e trovare appuntamenti handmade
MERCATINI DI NATALE - pagina facebook dedicata a tutto ciò che riguarda il Natale 
- MAN-MANO - calendario degli eventi handmade da non perdere. 


Scritto da Conny Massa e LeaderEIT


6 commenti:

  1. condivido quanto detto nell'articolo, però da artigiana mi piacerebbe anche che i mercatini di qualità avessero delle modalità di selezione più aperte e trasparenti, mi pare che non si sappia mai o quasi quando inviare la candidatura per alcuni eventi, è tutto sempre molto "segreto" e si vedono spesso sempre gli stessi nomi, a volte anche palesemente fuori tema
    sarebbe interessante curare anche questi aspetti per permettere una partecipazione e una selezione di qualità aperta davvero a tutti, specialmente a chi è nuovo dell'ambiente
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara. Si, spesso è davvero difficile rimanere aggiornati per tempo. Il nostro gruppo su FB "EVENTI HANDMADE" è nato anche per questo. Di eventi che non aprono una candidatura e/o i selezionati sono sempre uguali, non siamo informate. Sicuramente ci sono ma crediamo che alla lunga, qualsiasi inziativa valida necessiti di ricambio per migliorare e continuare. Altrimenti la noia (soprattutto dei visitatori) diventa inevitabile :)

      Elimina
    2. Sinceramente non vedo tanti bandi sul gruppo, ma per lo più la segnalazione degli eventi già in corso, ovviamente voi del gruppo non avete nessuna colpa, ma da parte di chi organizza gli eventi non mi pare che ci sia tutto questo interesse nel rendere chiari e pubblici i bandi, ripeto salvo rare eccezioni
      ribadisco quanto detto quindi (purtroppo) che il vero problema è proprio a volte riuscire a partecipare, meno male che poi c'è dice che "i giri" non esistono
      inoltre spesso i "bandi" consistono in una mail da contattare, ma puntualmente non si riceve nessuna risposta o il bando esce all'ultimo minuto e dopo un minuto i posti sembrano già tutti presi, a me queste cose non sembrano esattamente corrette
      per non parlare dei bandi a tema, dove però vengono selezionati creativi che non seguono il tema, mentre altri che lo sono vengono scartati con motivazioni discutibili
      queste sono mie considerazioni generali, niente a che vedere con il vostro validissimo gruppo
      purtroppo in Italia sono anche le piccole cose come queste che ribadiscono certi "luoghi comuni"
      a questo punto conviene partecipare ai mercatini classici, sono meno infiocchettati, ma almeno le cose sono tutte chiare e una risposta almeno la si riceve

      Elimina
    3. concordo con Sara, pensavo che il gruppo fosse per i creativi, invece è solo una specie di agenda, ma siccome il 90% di chi è iscritto al gruppo è un creativo, sapere che il giorno tal dei tali c'è un evento, perché dovrebbe interessarmi? come creativa mi piacerebbe partecipare agli eventi, non andare a vedere i lavori degli altri (scusate la franchezza)
      c'è giusto un post recente dove si chiedono info sugli eventi a cui partecipare e infatti ci sono ZERO risposte

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...